“Richiestomi come è nata la Vignale Alfredo Carrozzeria, con grande trasparenza, dopo quasi mezzo secolo, qui si parla del mese di maggio del 1945, e si ricorre alla memoria. Ma dato che è stata vissuta di persona, credo di poterla documentare con fatti e cose veramente avvenute. Chi narra è Vignale Guglielmo, fratello e secondo in scala gerarchica nella famiglia…”

 

 

Così inizia uno scritto autografo di mio nonno paterno, Guglielmo Vignale,  che ho ritrovato recentemente nel quale egli narra la storia di come è nata una delle Carrozzerie di stile che tra la fine degli anni ’40 e la fine degli anni ‘60 ha regalato alcuni tra i più begli esemplari di vetture della storia dell’automobile italiana e non solo…

 

Affascinata da ciò che leggo ed appassionata dai modelli prodotti dalla Vignale, decido di provare a presentare – attraverso una serie di fotografie storiche d’archivio e alcune citazioni tratte dal diario di mio nonno, una storia fatta di automobili per lo più uniche ma anche di uomini  appassionati, sognatori e gran lavoratori. La storia di un uomo in particolare: Alfredo Vignale, definito “lo scultore dell’acciaio” e del suo visionario e particolarissimo approccio all’automobile.

Un cronista di Tuttosport nel 1954 lo descrisse in un articolo con parole che mi paiono particolarmente azzeccate: ”Vignale è l’artista più personale ed indipendente che si conosca. Il suo stile non ha niente in comune con altri: sa osare nel dominio della fantasia come in quello della tecnica. Le vetture carrozzate da Vignale prima sorprendono, poi finiscono col convincere… sono l’opera di un innamorato della carrozzeria fuoriserie

 

Conosco e apprezzo la tenacia e la versatilità di Alfredo attraverso le parole piene di affetto e stima scritte da mio nonno, suo fratello, che ha fondato con lui la “Carrozzeria Alfredo Vignale & C” e lo ha accompagnato nei primi, duri anni di un’avventura che porterà un “semplice battilastra” a diventare il riconosciuto “artista della lamiera”, affermato carrozziere costruttore di prototipi e modelli esclusivi di vetture su telai Cisitalia, Osca, Ferrari, Maserati, Lancia, Alfa Romeo, Fiat, Triumph, Jensen, Matra, Amx e numerosi altri, che riceverà l’onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica e vedrà assegnato alla sua azienda il Mercurio d’Oro nel 1968.

 

 

La mostra “Carrozzeria Vignale. Una storia di stile e passione è dedicata alla memoria di mio nonno Guglielmo Vignale e di mio padre Giulio Vignale.